sei agosto ’20 quattordici agosto ’43

Lo dobbiamo risolvere
questo errore dell’universo
che ferma gli orologi
e il cuore
con ruggine e scartamento.

L’eterno, noioso,
intorpidisce il sonno
dove cadere é un mistero
come lo é la veglia
e la causa di ogni mattino.

La dobbiamo ricordare.
questa fortuna, nell’universo
che continua ogni secondo,
l’averti a fianco
e il cuore:
sguardi e luce.

(k.f.)

Piera Mainetti (mamma)

Share with:


Questa voce è stata pubblicata in Prove di scrittura. Contrassegna il permalink.